STORIES for CHILDREN by Sister Farida

(www.wol-children.net)

Search in "Italian":

Home -- Italian -- Perform a PLAY -- 074 (Beating the innocent 2)

Previous Piece -- Next Piece

TESTI TEATRALI -- puoi interpretarli ad altri bambini
Testi teatrali da far interpretare ai bambini

74. Percosse per un innocente 2


Il nuovo insegnante era diverso dagli altri. Perfino Gianni, lo spaccone, era senza parole per il metodo con il quale insegnava. Egli pregò e poi arrivò il secondo choc.

Insegnante: “Se vogliamo andare d’accordo abbiamo bisogno di un regolamento scolastico. Voglio che lo scegliate voi.”

Gianni fece un respiro profondo. Una cosa del genere non era mai successa a scuola.

Alunno: “Non copiare.”

Insegnante: “Questa mi piace, ma una regola ha valore, solo se esiste una punizione quando non la si rispetta.”

Gianni: “Tre bacchettate per chi copia.”

Oh cripio, a quei tempi esistevano ancora le bacchette con le quali gli insegnati colpivano gli alunni sulle mani.

L’insegnante scrisse questa e altre regole sulla lavagna. Per alcune settimane tutto procedette per il meglio. Poco dopo le cose cambiarono. Una mattina il nuovo insegnante entrò in aula molto triste.

Insegnante: “Lasciate i vostri libri chiusi, ho una brutta notizia. Qualcuno non ha rispettato le regole e ha mangiato il panino di Gianni. Il colpevole potrebbe farsi avanti?”

Tutti trattennero il fiato. Il piccolo Tom, che era seduto in prima fila balbettò:

Tom: “Sono, sono stato io. Avevo una fame enorme, l’ho visto e l’ho mangiato. Mi dispiace.”

I genitori di Tom erano poveri e spesso non avevano cibo. Nessuno voleva che lui fosse punito, ma l’insegnante doveva fare il suo dovere.

Insegnante: “Voi avete dettato le regole e sapete che se queste non vengono rispettate la conseguenza è la punizione, altrimenti nessun regolamento si potrà più ritenere valido. Tom vieni avanti. 10 colpi, questa è la punizione per i ladri.”

L’insegnante prese il bastone.

Gianni: “Fermo, era il mio panino ed io lo perdono.”

Insegnante: “Gianni è molto gentile da parte tua, ma la punizione deve esserci lo stesso.”

Gianni: “Allora li prendo io i colpi, ma risparmi Tom.”

Insegnante: “Bene, il regolamento dice 10 colpi, ma non dice chi li deve ricevere.”

Tutti videro come l’innocente si caricò della punizione che spettava al colpevole. Per i due fu l’inizio di un’amicizia.

Tutti ascoltarono con molta attenzione, quello che l’insegnante raccontò su Colui, che tanti anni fa prese su di Sé la punizione di tutta l’umanità.

Insegnante: “Il venerdì santo ci ricorda, che l’innocente Gesù fu punito per tutti noi. Tutti noi uomini abbiamo disubbidito ai comandamenti di Dio e Gesù si fece punire volontariamente al posto nostro. Egli per mezzo della la croce prese la condanna a morte che spettava a noi. Chi crede in lui è libero e ha la vita eterna. La Pasqua ci ricorda che Gesù risuscitò e ora vive.”


Personaggi: Narratore, insegnante, Gianni, Tom, alunni

© Copyright: CEF Germany

www.WoL-Children.net

Page last modified on August 24, 2017, at 12:13 PM | powered by PmWiki (pmwiki-2.2.109)