STORIES for CHILDREN by Sister Farida

(www.wol-children.net)

Search in "Italian":

Home -- Italian -- Perform a PLAY -- 025 (The saddest story)

This page in: -- Arabic? -- Aymara -- Azeri -- Bengali -- Bulgarian -- Cebuano -- Chinese -- English -- Farsi? -- French -- German -- Guarani -- Hebrew? -- Hindi -- Indonesian -- ITALIAN -- Korean -- Kyrgyz -- Malayalam? -- Portuguese -- Quechua? -- Romanian? -- Russian -- Serbian? -- Spanish-AM -- Spanish-ES -- Tamil -- Turkish -- Urdu? -- Uzbek

Previous Piece -- Next Piece

TESTI TEATRALI -- puoi interpretarli ad altri bambini
Testi teatrali da far interpretare ai bambini

25. La storia più triste


Sai chi non ha mai festeggiato il compleanno? Adamo ed Eva, perché loro non sono mai nati, ma sono stati creati da Dio. Però erano talmente felici che ogni giorno sembrava fosse il loro compleanno. Loro vivevano con Dio, parlavano con lui e sentivano anche la sua voce. Non esistevano né litigi né malattie e né preoccupazioni. Dio gli aveva regalato di tutto e disse loro: “Potete mangiare il frutto di ogni albero, solo dell’albero della conoscenza del bene e del male che sta nel centro del giardino non lo potete toccare. Appena lo mangerete voi morirete.”

Ogni cosa apparteneva a loro, tranne una. Adamo ed Eva amavano Dio e per questo lo ubbidivano con gioia.

Ma poi apparve qualcuno che non era molto felice di questa situazione, cioè quando delle persone hanno un buon rapporto con Dio. Questo era il diavolo. Prima egli fu un angelo. Egli voleva essere come Dio e per questo fu cacciato dal paradiso.

Diavolo: “Come! Dio vi ha detto di non mangiare da nessun albero del giardino?”

Eva: “Del frutto degli alberi del giardino ne possiamo mangiare, tranne di uno non ne possiamo mangiare, altrimenti moriremo.”

Diavolo: “No, non morirete affatto.”

Il nemico di Dio è un gran bugiardo. Egli capovolge le parole di Dio e fa nascere dei dubbi. Eva conosceva benissimo il comandamento di Dio, ma ascoltò lo stesso quello che le disse il tentatore. A lei piacque il frutto, quindi lo prese, lo mangiò e lo diede a suo marito, che stava al suo fianco.

Il peccato è disubbidienza e il peccato ha delle conseguenze gravi. Nulla fu più come prima.

Dio parlò: “Adamo, dove sei?”

Quando Dio li chiamò, loro ebbero paura e si nascosero. L’uno incolpò l’altro. Il peccato non rende felici e Dio deve punirlo. La conseguenza è la morte, ciò significa essere separati per sempre da Dio. Adamo ed Eva dovettero lasciare il giardino dove vivevano.

Accadde la cosa più tremenda. Il peccato entrò nel mondo e da allora vive in ogni persona. Dio è amore e perciò promise da quel momento in poi un Salvatore, il quale avrebbe caricato su di sé la punizione del peccato.

La prossima volta ti racconterò cosa successe in seguito.


Personaggi: Narratore, diavolo, Eva, la voce di Dio

© Copyright: CEF Germany

www.WoL-Children.net

Page last modified on August 23, 2017, at 04:55 PM | powered by PmWiki (pmwiki-2.2.109)