STORIES for CHILDREN by Sister Farida

(www.wol-children.net)

Search in "Italian":

Home -- Italian -- Perform a PLAY -- 057 (Taken hostage in Egypt 5)

Previous Piece -- Next Piece

TESTI TEATRALI -- puoi interpretarli ad altri bambini
Testi teatrali da far interpretare ai bambini

57. Ostaggi 5


(Cavalli)

Su un carro imperiale, viaggiava Giuseppe in Egitto. Il popolo lo salutava in modo gioioso. Il faraone lo nominò come suo vice. Con il suo sigillo gli affidò tutti i diritti. Il viaggio di Giuseppe attraversò i campi maturi e le piantagioni di palme.

Si avverò quel che Dio predisse: una gran raccolta (sfondo: martellare)

Giuseppe fece costruire dei grandi magazzini. Il grano fu immagazzinato talmente tanto come la sabbia al mare. La pianificazione di Giuseppe fu perfetta. Come egli disse, dopo gli anni buoni di raccolta, arrivarono sette anni di carestia. Il popolo soffriva di difficoltà e andò dal Faraone.

Popolo: “Ho fame! Stiamo morendo di fame. Dacci del cibo per i nostri figli.”

Faraone: “Giuseppe è responsabile. Fate quel che vi dice!"

Le persone venivano da ogni parte, perfino dall’estero. Dieci uomini si inchinarono davanti a lui, Giuseppe li riconobbe subito. Erano i suoi fratelli. Egli pensò ai suoi sogni, al loro odio e al fatto che lo avevano venduto come schiavo. Loro però non lo riconobbero.

In maniera severa gli chiese:

Giuseppe: “Da dove venite?”

Fratello: “Veniamo da Canaan e vogliamo comprare del grano.”

Giuseppe: “State mentendo. Voi siete delle spie!”

Fratello: “No, siamo gente sincera. Siamo dodici fratelli. Una è rimasto a casa e l’altro è morto.”

Giuseppe: “Non credo a una parola di quel che state dicendo, ma perché amo Dio vi do’ del grano. Però voglio, che torniate e portiate vostro fratello che è rimasto a casa. Uno di voi rimarrà qui come prigioniero.”

Perché fu cosi duro Giuseppe con i suoi fratelli? Si voleva vendicare? No! Mise i suoi fratelli alla prova. Erano cambiati? Loro non pensavano che qualcuno li potesse ascoltare quando si sussurrarono:

Fratello: “Questa è sicuramente la punizione per quel che abbiamo fatto a Giuseppe.”

Giuseppe si commosse, ma non si fece comunque riconoscere. Tornarono a casa con il grano, ma Simeone rimase in Egitto come prigioniero.

Il loro padre Giacobbe fu sconvolto quando gli fu detto quel che era accaduto in Egitto, ma quando fu consumato tutto il grano che i fratelli avevano procurato, dovettero tornare in Egitto e portare con loro Beniamino. Con ansia andarono per la seconda volta in Egitto e poi?

La storia continua.


Personaggi: Narratore, popolo, Faraone, Giuseppe, fratello

© Copyright: CEF Germany

www.WoL-Children.net

Page last modified on August 25, 2017, at 02:53 PM | powered by PmWiki (pmwiki-2.2.109)