STORIES for CHILDREN by Sister Farida

(www.wol-children.net)

Search in "Italian":

Home -- Italian -- Perform a PLAY -- 169 (Halloween – without me 1)

Previous Piece -- Next Piece

TESTI TEATRALI -- puoi interpretarli ad altri bambini
Testi teatrali da far interpretare ai bambini

169 Halloween senza di me 1


Eva e Matteo schiacciano il naso contro il vetro. Le zucche sembrano sghignazzare in modo inquietante dietro le finestre.

Eva: “Devo scrivere un tema riguardo Halloween. Guarda là! Vedi quel teschio?”

Matteo: “Ma che, non è vero!”

Eva ha la pelle d’oca.

Matteo: “Vieni anche tu alla festa dei brividi?”

Eva: “Non lo so. Vediamo. Per ora devo andare a casa.”

Il pasticcere accanto fa pubblicità a dei biscotti “diabolicamente buoni”. Halloween riempie le casse dei negozi.

(suono del campanello di casa)

Madre: “Eccoti finalmente!”

Eva: “Ho una fame! (Rumori delle posate sul piatto) Dove sono le teste di zucca che stavano alla finestra?”

Padre: “Stanno spaventando la spazzatura.”

Eva: “Spazzatura???”

Madre: “Leggi questo articolo sul giornale.” (rumore di fruscio delle pagine di giornale)

La pizza stava per andare di traverso a Eva quando lesse cosa significa Halloween:

31 ottobre – festa delle streghe e di Satana. La tradizione ha più di 2000 anni.

Capodanno dei celti. Essi vivevano senza Dio, credevano in più dei. Inoltre credevano che in quella notte venisse Samhain, il loro dio della morte a raccogliere i morti.

Eva: “Allora Halloween è la festa del diavolo!”

Halloween è un’abbreviazione inglese che sta a significare “la sera prima di tutti i santi”. A quei tempi i maghi mettevano davanti casa delle zucche scavate, con una luce dentro e gridavano: “regalo o maledizione”. Coloro che non portavano sacrifici a Samhain venivano maledetti.

Padre: “Quelli che si travestono da fantasmi e vanno elemosinando dolcetti ricordano questa usanza pagana. La Bibbia dice: evitate il male. Halloween è la notte del male.”

Madre: “Io non lo sapevo, ma da ora in avanti… Halloween? No, grazie!”

Padre: “Hai letto dei sacrifici?”

Eva divenne pallida quando lesse che delle persone venivano sacrificate a Satana. È terribile! Il diavolo è bugiardo e pure assassino! Halloween è il suo appuntamento.

Padre: “Dio dice che non dobbiamo seguire le usanze dei pagani. Perciò anch’io dico: Halloween? No, grazie!”

E tu? Credi in Gesù Cristo e avrai vera gioia, potrai far a meno di giochetti dell'orrore!

Eva: “Non andrò alla festa dei brividi. Ecco il mio SMS a Matteo: Halloween? No, grazie!”

Spero per te la stessa cosa.

Vorresti sapere di più riguardo Halloween? Scrivimi una lettera!


Personaggi: Narratore, Eva, Matteo, madre, padre

© Copyright: CEF Germany

www.WoL-Children.net

Page last modified on August 26, 2017, at 04:58 PM | powered by PmWiki (pmwiki-2.2.109)