STORIES for CHILDREN by Sister Farida

(www.wol-children.net)

Search in "Italian":

Home -- Italian -- Perform a PLAY -- 129 (Shabola from South Africa)

Previous Piece -- Next Piece

TESTI TEATRALI -- puoi interpretarli ad altri bambini
Testi teatrali da far interpretare ai bambini

129. Shabola va in cielo


(rumore di colpi di martello)

Padre: “Shabola, hai fatto un ottimo lavoro!”

Shabola: “Scommetto che mi verrà un mal di muscoli! Ahia! Ahi, era il mio piede!”

Padre: “Non riesci più a tenere il martello. Riposati adesso, e poi continuerai il tuo lavoro.”

Shabola si sedette all’ombra. Udì urlare da lontano una scimmia. Suo padre continuava a costruire la capanna, lì nella giungla del Sudafrica. Diventerà tanto bella quanto la scuola missionaria nel villaggio?

Padre: “Shabola, riprendi di nuovo il lavoro.”

Shabola si diverte ad aiutare il padre, ma avrebbe preferito andare a scuola…

La mattina seguente, dopo aver fatto colazione con il purè di mais e il burro di arachidi, si recò a scuola. Voleva bene a Umfundis, che significa maestra nella lingua dello Zimbabwe. Era amata da tutti i bambini. A Shabola piaceva più di tutto l’ora di religione. Durante quell’ora il bambino con i capelli neri e ricci prestava molta attenzione.

Maestra: “Un agnellino scappò via, e si perse. Il pastore lasciò il gregge, e cercò, finché non lo trovò. Lo tirò fuori dalle spine, e lo portò in braccio a casa. Il Signore Gesù è il Buon Pastore. Egli venne dal Cielo sulla terra per cercare coloro che sono perduti.”

Shabola: “Umfundis, io sono proprio come quell’agnellino perduto. Gesù cerca anche me?”

Maestra: “Sì, ti cerca, perché ti ama. Digli che vuoi appartenere a Lui!”

Un giorno Shabola era assente in classe. La mattina avrebbe voluto alzarsi, ma sentiva tanto caldo, e gli girava la testa.

Madre: “Shabola, hai la febbre alta. Chiamo subito il mago.”

Shabola (con voce flebile): “Il mago non può certo aiutare.”

Shabola si sentiva molto debole, e a stento riusciva a parlare. La domenica la maestra gli fece visita.

Maestra: “Shabola, sei molto malato. Sei pronto, se dovessi morire?”

Shabola: “Il Signore Gesù è il mio Buon Pastore. Presto mi porterà in Cielo.” A quel punto Shabola chiuse gli occhi, e non li riaprì più.

Al funerale, Umfundis raccontò la storia del Buon Pastore.

A un tratto il padre si inginocchiò vicino alla bara, e pregò.

Padre: “Signore Gesù, ora Shabola è con Te. E sta bene. Anch’io voglio appartenerti. Perdona i miei peccati e sii il mio Buon Pastore. Amen.” Poi disse a Umfundis: “Adesso non sono più tanto triste, perché rivedrò Shabola in Cielo!”


Personaggi: Narratore, padre, madre, Shabola, maestra

© Copyright: CEF Germany

www.WoL-Children.net

Page last modified on August 26, 2017, at 04:45 PM | powered by PmWiki (pmwiki-2.2.109)