STORIES for CHILDREN by Sister Farida

(www.wol-children.net)

Search in "Italian":

Home -- Italian -- Perform a PLAY -- 164 (The lost sheep 2)

This page in: -- Arabic? -- Aymara -- Azeri -- Bengali -- Bulgarian -- Cebuano -- Chinese -- English -- Farsi? -- French -- German -- Guarani -- Hebrew? -- Hindi -- Indonesian -- ITALIAN -- Korean -- Kyrgyz -- Malayalam? -- Portuguese -- Quechua? -- Romanian -- Russian -- Serbian? -- Spanish-AM -- Spanish-ES -- Tamil -- Turkish -- Urdu? -- Uzbek

Previous Piece -- Next Piece

TESTI TEATRALI -- puoi interpretarli ad altri bambini
Testi teatrali da far interpretare ai bambini

164 La pecora smarrita 2


Rut si era arrabbiata, ed era scappata di casa.

Zia Margherita le aveva urlato dietro: “Ti manderò in collegio!”

Il sole stava tramontando e Rut, ormai lontana, rifletteva su dove poter stare. Forse nella chiesa dietro il cimitero?

Camminò accanto alle tombe e si fermò davanti a una croce bianca.

Rut: “‘Giovanna Collins, 9 anni. È andata a stare con Gesù. Sarei anch’io con Gesù, se dovessi morire oggi?”

Mentre rifletteva, entrò di soppiatto in chiesa (rumore di porta che stride).

Una volta dentro, si sdraiò su una panca e si addormentò.

Il giorno seguente, in chiesa arrivò il pastore, che trovò Rut.

Pastore: “Buongiorno, da dove vieni?”

Rut si fidava del pastore e gli raccontò la storia della sua fuga da casa.

Nella casa del pastore ricevette una buonissima colazione, mentre il signor Roberto telefonava alla zia Margherita. Rut si guardava attorno, nella stanza in cui si trovava, e il suo sguardo si soffermò su di un quadro.

Pastore: “Ti piace questo quadro? Questo è Gesù, il Buon Pastore. Stende la sua mano verso la pecorella smarrita: la vuole salvare! Questa pecorella mi ricorda un po’ te.”

Rut: “Se trova anche me, poi quando la vita finisce andrò in Cielo, come Giovanna Collins?”

Pastore: “Certo. Gli devi dire che Gli vuoi appartenere. Sai una cosa? Ti regalo questo quadro. Va’ a casa, tua zia è molto preoccupata.”

Mentre Rut tornava a casa, tirò fuori il quadro dalla sua borsa, lo guardò, e si mise a pregare.

Rut: “Signore Gesù, io sono una pecora disubbidiente. Ti prego, perdona tutto il male che è in me. Voglio appartenere a Te e venire un giorno da Te in Cielo. Amen.”

Gesù accolse sicuramente una preghiera del genere, e lo fa ancora oggi! Rut Lo ringraziò, e lungo la strada saltava di gioia.

Zia Margherita aspettava Rut davanti alla porta. Si abbracciarono.

Rut: “Zia Margherita, mi dispiace per tutto. Per favore, non mi mandare in collegio, sarò buona.”

Rut s’impegnò molto. Dava ascolto alla voce del Buon Pastore nel suo cuore, e nella Bibbia. Alla voce del suo orgoglioso ego, che voleva farsi largo, non diede spazio.

Rut era veramente cambiata. Per un periodo andò tutto bene, ma poi…

Non ti dimenticare, nella prossima puntata potrai sentire come continuerà.


Personaggi: Narratore, Rut, pastore, zia Margherita

© Copyright: CEF Germany

www.WoL-Children.net

Page last modified on August 24, 2017, at 12:36 PM | powered by PmWiki (pmwiki-2.2.109)